Struttura delle unghie

La struttura delle unghie.

La struttura delle unghie è composta da una lamina di sostanza cornea posizionate sulle piccole falangi delle dita di mani e piedi. La lamina ungueale è estremamente connessa con il letto ungueale sottostante (iponicchio) e si insinua nel solco periungueale che la circonda (perinicchio), ma si separa da questo a livello del bordo libero. All’estremità opposta si trova la radice dell’unghia, che è coperta dalla piega ungueale della quale si nota una parte arciforme e biancastra, chiamata lunula, che rappresenta la matrice responsabile della crescita: la crescita cellulare è discontinua e si verifica dalla base verso il bordo libero da un minimo di 0,5 cm a 1,5cm. al mese, ma varia da soggettoa a soggetto. In circa 4 mesi l’unghia si rinnova totalmente. La sostanza che costituisce in massima parte l’unghia è la cheratina, che è una proteina, plastificata da acqua e da altre sostanze che le conferiscono elasticità, flessibilità e resistenza. Esistono patologie delle unghie che possono colpire tutte la struttura delle unghie o parte di esse causando la loro caduta o comunque gravi alterazioni. E’ sulla lamina superficiale che si leggono le modificazioni che testimoniano la presenza di tali patologie, ne vedremo alcuni esempi che vi serviranno per capire dove possiamo o no agire con la ricostruzione. Le alterazioni della struttura delle unghie possono manifestarsi come modificazione della superficie, della forma, del colore e della consistenza della lamina ungueale.